youtube google+ facebook



Nuovi appuntamenti a Nove

Archiviata l'esperienza espositiva a Gmunden, Ente Ceramica è al lavoro per nuovi e importanti appuntamenti.
04-09-2017
Dall'8 al 10 settembre il sistema ceramico faentino sarà infatti protagonista a Nove (VI), cittadina ceramica dal grande patrimonio storico, dove si festeggiano i 20 anni di Portoni aperti. Si...

Prossimi importanti appuntamenti per l'Ente Ceramica

Prosegue con intensità l'attività di Ente Ceramica Faenza.
24-08-2017
Dopo una estate caratterizzata dalla nuova edizione di Buongiorno ceramica e dalla organizzazione di eventi nei mercati di Argentona, Spagna, e Aubagne, Francia, questa settimana l'associazione faentina inaugura una importante...

Altri musei

MUSEO CARLO ZAULI
via della Croce 6 - Faenza

Il museo, intitolato all'artista faentino omonimo, nasce a Faenza nel 2002 all’interno dello storico laboratorio dello scultore. Un percorso antologico nell'opera di Zauli, considerato l’artista faentino più rappresentativo del Novecento,  dai primi anni '50 agli anni '90 alla scoperta della ricerca di un artista che da ceramista divenne scultore senza mai tradire le proprie radici; il percorso di visita si sviluppa attraverso gli storici ambienti dello studio-bottega, dalla cantina delle argille alla stanza degli smalti, dalla sala dei forni a a quella dei grandi rilievi, dove la zolla di terra diventava scultura.
Oltre ad ospitare la collezione permanente il museo è divenuto nel corso degli anni un punto di riferimento per la divulgazione e la produzione dell’Arte Contemporanea grazie ai suoi numerosi progetti d’avanguardia culturale.

 

FONDAZIONE GUERRINO TRAMONTI
via Fratelli Rosselli 8 - Faenza

La Fondazione Guerrino Tramonti,è divenuta una realtà nel 2010 per valorizzare il “contenitore”  che l’artista realizzò nella casa-museo nel 1987 che conta 7 sale e circa 390 opere.
Guerrino Tramonti nasce come scultore, per poi dedicarsi alla ceramica e alla pittura: nelle sale sono esposte le opere che secondo l’artista meglio rispecchiano il suo percorso artistico: un’immensa varietà di forme,di colori e un sublime mondo espressivo creato da un originale sensibilità cromatica applicata anche ai dipinti su tela e tavola.

 

MUSEO RICCARDO GATTI
via Pompignoli 4 - Faenza

Nel 1998 si é inaugurato nei locali storici della manifattura, un museo permanente aperto al pubblico nel quale é possibile ammirare una preziosa collezione retrospettiva delle più rare opere in ceramica, realizzate da Riccardo Gatti a partire dal 1908,quando ancora non possedeva un laboratorio proprio.
Il percorso museale prosegue con la produzione successiva al 1928, anno di fondazione della Bottega d'Arte Ceramica Gatti. Le opere relative a questo periodo offrono una ricca testimonianza dei rapporti di collaborazione che Riccardo Gatti allacciò con artisti del movimento futurista, al quale aderì poi personalmente diventando noto e apprezzato nel mondo dell'arte come primo ceramista futurista, come attesta uno scritto di Marinetti del 1928.
La sperimentazione di Riccardo Gatti si rivolse con altrettanto interesse alla ricerca della forma. In esposizione figurano infatti le opere più rappresentative del secondo dopoguerra, quando ebbe inizio la nota produzione di ceramiche a forme antropomorfe, zoomorfe e astratte.
Il segreto della tecnica a riflessi viene tuttora tenuto in vita nel lavoro della Bottega.